Manutenzione e sicurezza

La manutenzione delle lenti a contatto

Effettuare una corretta manutenzione è la regola fondamentale per preservare la funzionalità ottimale delle lenti a contatto e garantire la salute oculare. Solo attraverso una gestione corretta delle fasi di manipolazione, rimozione, pulizia e conservazione, si possono ottenere dalle lenti a contatto il massimo comfort ed essere certi di utilizzarle con la massima sicurezza.

Le lenti a contatto, infatti, tendono a sporcarsi in funzione del film lacrimale (sottile strato lipidico che ricopre la cornea e la congiuntiva) e degli agenti atmosferici a cui sono sottoposte.

Per questo motivo, tutte le volte che vengono rimosse dagli occhi, a meno che non si tratti di lenti a contatto a ricambio giornaliero o monouso, che devono essere gettate dopo il loro utilizzo, è necessario riporle nell’apposito contenitore porta lenti, e immerse nell’apposita soluzione.

Si ricorda l’importanza di cambiare il contenitore porta lenti una volta al mese e di non effettuare mai queste manovre con le mani sporche.

Attualmente è disponibile sul mercato un’ampia scelta di soluzioni specifiche. Il contattologo saprà indicare la soluzione più idonea alle esigenze del portatore.

Le soluzioni per la manutenzione delle lenti a contatto

Le soluzioni per la manutenzione delle lenti a contatto sono imprescindibili per garantire le funzionalità e il comfort delle lenti stesse da un lato e la salute oculare dall’altro.

I prodotti in commercio rispondono alle più elevate esigenze d’igiene e sicurezza, assicurando la massima praticità ed efficacia;

Soluzione salina: si utilizza prima di applicare le lenti a contatto per togliere ogni traccia residua delle soluzioni utilizzate per la disinfezione.

Soluzione conservante: questa soluzione disinfetta e mantiene idratata la lente, rimuovendo ogni contaminazione microbica. Per lenti a contatto rigide gaspermeabili

Perossidi: il perossido d’idrogeno svolge un’azione antimicrobica molto efficace, grazie al suo elevato potere ossidante e all’effetto battericida.
Richiedono la neutralizzazione della soluzione di perossido di idrogeno dopo la disinfezione e prima di indossare le lenti a contatto.
I sistemi al perossido più diffusi sul mercato sono detti “monofase” perché riuniscono il processo di disinfezione e neutralizzazione in un unico momento.

Soluzioni uniche: sono i sistemi per la manutenzione delle lenti a contatto attualmente più diffusi sul mercato per la loro praticità, poiché uniscono la capacità di detergere, risciacquare e disinfettare in un unico prodotto.

Enzimi: sono pastiglie che vanno sciolte in soluzione salina sterile e che permettono, una più agevole rimozione per sfregamento dei depositi.

Soluzione detergente: rimuove dalla superficie delle lenti a contatto i vari tipi di depositi proteici, lipidici o esterni e contiene delle sostanze in grado di rendere solubili in acqua questi depositi, agevolando il successivo processo di disinfezione.

Umettanti: sono soluzioni isotoniche a Ph neutro, che agiscono come un cuscino tra lente e cornea; si utilizzano quando la secrezione lacrimale è inferiore alla norma, in condizioni ambientali in cui si ha una disidratazione eccessiva delle lenti a contatto morbide, in situazioni di scarso comfort.

Sicurezza

120 milioni circa  sono le persone che al mondo  ricorrono alle lenti a contatto come mezzo di correzione dei difetti di vista (miopia, astigmatismo, ipermetropia e presbiopia), 2.5 milioni solo in Italia. Una scelta che permette di ottenere una percezione visiva ottimale e una perfetta visione periferica.

Gli elevati standard tecnologici raggiunti dalle lenti a contatto le rendono sempre più pratiche, sicure e confortevoli.

Le lenti a contatto sono dispositivi medici e prima della loro commercializzazione vengono sottoposte a rigorosi controlli in conformità alle norme internazionali e nazionali volte a garantire la tutela della salute oculare del consumatore.

La sicurezza dell’uso delle lenti a contatto e la salute oculare, però, sono garantite solo all’origine dalla filiera di produzione, ma soprattutto da una corretta esecuzione delle tecniche di manutenzione .

Eseguire in modo puntuale e rigoroso tutte le fasi che portano alla disinfezione e alla conservazione delle lenti a contatto è fondamentale per evitare qualsiasi tipo di fastidio.
Si tratta di poche e  semplici regole  per ottenere la massima sicurezza e il miglior comfort dalle lenti a contatto.

Se durante il normale porto si dovessero avvertire fastidi di qualsiasi tipo a livello oculare è importante rimuovere subito le lenti a contatto, avvisare il contattologo e rivolgersi al medico oculista.
In questo modo si può risolvere in modo tempestivo il problema e non precludere l’utilizzo futuro delle lenti a contatto.